Comune di Pavia - Assessorato alle Biblioteche Civiche - Settore Cultura

Informazioni personali

La mia foto
Piazza Petrarca, Pavia, Italy
Per maggiori informazioni: Clicca qui

Orari di apertura:
lunedì-martedi; giovedi-venerdi: ore 13-19
mercoledi e sabato : ore 8-13
Blog Archive

Archivio blog

Cerca nel blog

Percorsi e incontri

Adil El Marouakhi (1) Ahmad Vincenzo (1) Alberto Bertolino (1) Alberto Moravia (1) Alessandro Cattaneo (1) Andrea Basevi (2) Andrea Borghi (1) Andrea Valente (4) Angela Nanetti (1) Angela Pesci (1) Angelo Ricci (1) Angelo Vicini (1) Anna Cerasoli (1) Anna Lavatelli (1) Anna Maria Casavola (1) Anna Maria Mori (2) Anna Modena (1) Anna Turra (1) Antonio Amore (2) Antonio Fiore (1) Antonio Sacchi (5) Arianna Arisi Rota (1) Arrigo Levi (1) Arturo Colombo (1) Aurora Marsotto (1) Bar dell'Università (5) Barbara Garlaschelli (1) Bartolomeo Sorge (1) Beatrice Masini (1) Beatrice Solinas Donghi (1) Beniamino Sidoti (1) Boris Pahor (1) Bros (1) Bruno Cerutti (1) Bruno Franceschetti (1) Candido Cannavò (2) Carla Cerati (1) Carlo Boccadoro (1) Carlo Cerchioli (1) Carlo Ciaponi (1) Carlo Gallucci (1) Castello Visconteo (2) Certosa (1) Cesare Colombo (1) Chiara Lungo (1) cinema teatro Castello (1) Claudia Bonsi (1) Clemente Ferrario (7) Collegio Ghislieri (3) Corrado Stajano (1) Daniele Biacchessi (2) Daniele Crosta (1) Daniele Nicolosi (1) Darwin Pastorin (1) Davide Ferrario (1) Desideria Guicciardini (1) Di 3/4 (6) Domenica Luciani (1) Don Andrea Gallo (1) Don Franco Tassone (3) Donata Vicini (1) Donato Dellavalle (1) Duomo (1) Edoardo Erba (2) Eligio Gatti (1) Elio D'Adamo (1) Elio Veltri (1) Elisa Chiari (2) Emanuela Audisio (1) Emanuela Bussolati (1) Emanuela Nava (1) Emanuele Luzzati (1) Emilio D'Adamo (1) Emilio Gabba (1) Emilio Radice (1) Emmanuela Carbé (1) Enrico Magenes (1) Eraldo Affinati (1) Ermanno Detti (2) Ermanno Rea (1) Ester Bonetti (1) Ettore Mo (1) Eugenio Critelli (2) Ezio Sisto (1) Fabrizio Fiaschini (3) Federico Biscione (1) Felice e Celina (1) Fernando Rotondo (3) Filippo Ticozzi (1) film (1) Fiorenzo Grassi (1) Franca Graziano (1) Francesca Porreca (1) Francesco Gesualdi (1) Francesco Mastrandrea (1) Franco Rositi (1) Franco Vittadini (1) Fred Wander (1) Frediano Sessi (2) Fulvio Mauri (1) Gabriele Albanesi (2) Gabriella Fusi (1) Gianandrea Nicolai (1) Giancarlo Poma (1) Giancarlo Toran (1) Gianfranca Lavezzi (6) Gianfranco Poma (1) Gianluca De Col (1) Gianni Biondillo (1) Gianni Cella (1) Gianni Mura (1) Giorgio Falco (1) Giorgio Simonelli (1) Giornata della Memoria (4) giovani (1) Giovanni Giovanetti (1) Giovanni Giudici (1) Giovanni Lodetti (1) Giovanni Zaffignani (1) Gipo Anfosso (1) Giulia De Dominicis (1) Giuliano Scabia (1) Giuliano Turone (1) Giulio Guderzo (1) Giuseppe Cederna (1) Giuseppe De Carli (1) Giuseppe Del Frate (1) Giuseppe Guglielminotti (4) Giuseppe Pederiali (1) Giuseppe Polimeni (4) Gloria Ghioni (2) Guia Croce (1) Guido Petter (3) Gustavo Pietropolli Charmet (1) incontri (4) Incontro con l'autore (2) Isoke Aikpitanyi (1) Istituto Bordoni (1) Istituto Franco Vittadini (1) Istituto San Giorgio (5) La capitale invisibile (1) Laura Cesaris (1) Laura Maragnani (1) Lia Levi (1) Libri animati (9) libri per l'infanzia (1) Liceo Copernico (6) Lidia Maggi (1) Linda Lucini (1) Luca Mazzieri (1) Luca Novelli (1) Luchino Dal Verme (1) Luciano Canfora (1) Luciano Tas (1) Lucio Fregonese (1) Luigi Mascheroni (1) Luigi Pagano (1) Magda Barile (1) Manuela Curioni (1) Manuela Malchiodi (1) Marcellino Brivio (1) Marco Delfiol (1) Marco Galandra (1) Marco Mazzieri (1) Marco Philopat (1) Margherita Hack (1) Maria Assunta Zanetti (1) Maria Grazia Rossi (1) Maria Teresa Nizzoli (2) Marianna Bruschi (1) Mariapia Fanfani (2) Marina Tesoro (2) Marino Magliani (1) Mario Cervi (1) Mario Ferrari (2) Mario Isnenghi (1) Mario Pannunzio (1) Massimo Carlotto (2) Massimo Teodori (1) Matteo Garrone (1) Maurizio Crosetti (1) Maurizio Cucchi (1) Mauro Bignamini (1) memorie e storia (1) Michele Monina (1) Mino Milani (3) Monica Ferrari (1) Monica Tassi (1) mostra (3) musical (3) Nadia Meriggi (1) Oliviero Diliberto (1) ombre cinesi (1) Osvaldo Cavandoli (1) Paolo Cambieri (1) Paolo Colombo (1) Paolo Di Stefano (1) Paolo Fornelli (1) Paolo Landi (1) Paolo Papotti (1) Paolo Segatti (1) Pasquale Marrazzo (1) Patrizia Pinotti (1) Paul Bakolo Ngoi (1) Pavia (10) Per certi versi (1) Philip Ridley (1) Pierangelo Lombardi (1) Piero Majocchi (1) Piero Ventura (1) Pinin Carpi (1) Pino Roveredo (2) poesia (1) progetti scolastici (8) Quaderni di storia (2) Quattro chiacchiere con... (115) Raffaele La Capria (1) Randa Ghazy (1) Renata Ciaravino (1) Riccarda Mandrini (1) Roberta Gandolfi (1) Roberto Dionigi (2) Roberto Figazzolo (2) Roberto Piumini (2) Roberto Santillo (2) Roberto Traverso (3) Ryan Dooley (1) Sandra Basti (1) Sandro Lagomarsini (1) Santa Clara (1) Sebastiano Ruiz Mignone (2) Sebastiano Vassalli (1) Segnali d'allarme (1) Shakespeare (1) Silvana Borutti (2) Silvia Roncaglia (2) Silvia Vegetti Finzi (1) Silvio Ferrari (1) Simona Atzori (1) Slam Poetry (1) spettacoli (20) Stefano Lorenzi (1) Stefano Maggi (2) Stefano Mosti (1) Stefano Rossi (1) storia (1) Sul fiume (5) Teatro Fraschini (2) Teatro Volta (1) Tiziano Scarpa (1) Tommaso Tornielli (1) Tonino Conte (1) Torre civica (1) Tra letteratura e musica (3) Tullio Montagna (1) Ubaldo Nicola (1) Ugo Nastrucci (2) Umberto Ambrosoli (1) Università di Pavia (14) Verdiana (1) Vincenzo Andraous (4) Vincenzo Buccheri (1) Vincenzo Pardini (1) Virginio Paolo Gastaldi (1) Virginio Rognoni (5) Walter Fontana (2) Walter Minella (1) Walter Morelli (1)

Lettori fissi

giovedì 18 dicembre 2008

Quattro chiacchiere con... Guia Croce

Presentata da Stefano Mosti
Giovedì 18 dicembre 2008, ore 17
”Tutto il meglio di Carosello: come è cambiata la pubblicità televisiva in Italia”


La rassegna culturale pavese Quattro chiacchiere con…, organizzata dalla Biblioteca Bonetta Sezione Ragazzi a cura di Costantino Leanti e in collaborazione con la libreria Clu, propone ogni anno una serie di incontri su argomenti il più possibile diversificati e perciò in grado di attirare l’attenzione di un pubblico cittadino ad ampio raggio. Nel corso della settima edizione 2008/2009, i temi affrontati spaziano dalla bibliofilia al ciclismo, dalla narrativa di montagna all’opera dei sacerdoti di frontiera, sino al prossimo incontro dedicato ad un momento di riflessione su uno degli aspetti più pervasivi e d’impatto della comunicazione contemporanea: la pubblicità televisiva.
Il prossimo giovedì 18 dicembre alle ore 17, presso l’auditorium di Santa Maria Gualtieri, sarà gradita ospite la regista Guia Croce, che parlerà sul tema “Tutto il meglio di Carosello: come è cambiata la pubblicità televisiva in Italia”, presentata da Stefano Mosti, presidente dell’Osservatorio sulla Televisione della nostra Università. Il pubblico avrà modo quindi di conoscere una protagonista della comunicazione dalla personalità e dall’attività professionale multiforme: regista di televisione e video, lettrice di copioni, moviolista, restauratrice di pellicole, esperta di manifesti cinematografici d’epoca, curatrice di Dvd, curatrice di doppiaggio e di rassegne cinematografiche.
Nel corso della serata verrà illustrato infatti il contenuto del libro con Dvd omonimo, uscito nella collana Einaudi Stile Libero, in cui  troviamo una selezione delle migliori scenette apparse in televisione nei vent’anni di Carosello, dal 1957 al 1977: si avrà modo quindi di tornare ad apprezzare alcune fra le celeberrime immagini della pubblicità dei tempi passati, che vedevano protagonisti i migliori attori dell’epoca – fra i quali Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Aldo Fabrizi, Virna Lisi – o disegni animati che hanno fatto epoca come il pulcino Calimero. La lunga stagione di Carosello presentò agli italiani alcuni fra i personaggi più amati del panorama televisivo di allora, rimasti a tanti anni di distanza  nella memoria collettiva del Paese: i saggi introduttivi dello scrittore Aldo Nove e del saggista Edmondo Berselli  e le interviste ai protagonisti dell’epoca – Ugo Tognazzi, Renzo Arbore, Pippo Baudo e molti altri – arricchiscono la documentazione con analisi e interpretazioni significative.
Quattro chiacchiere con…, dopo la consueta sospensione per le festività natalizie, riprenderà il prossimo anno: mercoledì 7 gennaio 2009 alle ore 17, sempre in Santa Maria Gualtieri, si terrà infatti l’incontro con lo scrittore e sceneggiatore Walter Fontana, dedicato alla scrittura comica e umoristica.

                                                                                                            Emilio D’Adamo
----------------
Guia Croce, nata in Liguria poco dopo Carosello, è regista di televisione e video, lettrice di copioni, moviolista, restauratrice di pellicole 35 mm, esperta di manifesti cinematografici d'epoca, curatrice di Dvd, pubblicitaria, ricercatrice, curatrice di doppiaggio, curatrice di rassegne cinematografiche. Alla semplice domanda: «Che lavoro fai?» non sa rispondere.
Autrice Tutto il meglio di Carosello (1957-1977). Con DVD. Einaudi. Stile libero. DVD.
Quando alla fine degli anni Cinquanta fu inventato Carosello, che offriva tutte le sere un ventaglio di scenette con i migliori attori - da Gassman a Manfredi, da Fabrizi a Virna Lisi - o geniali cartoni animati, gli italiani scoprirono improvvisamente di essere un solo Paese. Fu un successo immenso. Carosello inventò moltissimi tra i personaggi più amati della televisione. Questo DVD raccoglie tutto ciò che è davvero indispensabile vedere, e che è rimasto indimenticabile nella memoria degli italiani. I due saggi introduttivi di Aldo Nove ed Edmondo Berselli commentano gli anni di Carosello, e non mancano le interviste ai protagonisti, agli attori e ai realizzatori, da Tognazzi ad Arbore, da Baudo ad Armando Testa, a Luciano Emmer.
mercoledì 26 novembre 2008

Quattro chiacchiere con... Gianni Mura

Presentato da Giuseppe Polimeni
Mercoledì 26 novembre 2008, ore 17
“Storie e strade dei miei Tour”

La rassegna culturale cittadina Quattro chiacchiere con…, giunta quest’anno alla settima edizione, prosegue il suo programma di appuntamenti dedicati ai vari aspetti del sapere e della comunicazione sociale, che terrà compagnia al pubblico pavese sino a maggio del 2009. Organizzata dalla Biblioteca Bonetta Sezione Ragazzi a cura di Costantino Leanti in collaborazione con la libreria CLU, l’affermata kermesse propone incontri dedicati a temi di ampio interesse in grado di soddisfare la curiosità e gli interessi di tutti, con particolare attenzione ai ragazzi in età scolare: il prossimo mercoledì 26 novembre alle ore 17 presso l’auditorium di Santa Maria Gualtieri, con la presentazione del docente di letteratura italiana Giuseppe Polimeni, sarà la volta di una conferenza dedicata al mondo dello sport e in particolare all’epopea del ciclismo negli ultimi quarant’anni. Ospite della serata uno dei maggiori giornalisti sportivi italiani, Gianni Mura, dal 1983 inviato di punta e commentatore del quotidiano La Repubblica. Nato a Milano nel 1945, ha cominciato la carriera giornalistica giovanissimo alla Gazzetta dello Sport dove ha lavorato come cronista dal 1964 al 1972 e l’ha proseguita al Corriere d’Informazione dal 1972 al 1974 e al quotidiano popolare L’Occhio dal 1979 al 1981, collaborando contemporaneamente al settimanale Epoca dal 1974 al 1979. Su Repubblica, per tutta la durata del campionato di calcio di serie A, compare la sua rubrica domenicale intitolata “Sette giorni di cattivi pensieri”, mentre nell’edizione del lunedì è suo il commento principale sulla giornata calcistica del giorno prima. I suoi interessi spaziano anche in un altro argomento di ampia attrattiva, in piena continuità con il suo maestro Gianni Brera: l’enogastronomia, di cui si occupa in una rubrica curata assieme alla moglie Paola sull’inserto settimanale Il Venerdì. Fra le sue passioni, oltre alla buona tavola e ai vini genuini, tiene a rammentare la ricerca dei funghi e lo scopone scientifico.
Nel maggio 2007 è uscito il suo primo romanzo poliziesco “Giallo su giallo” edito da Feltrinelli e ambientato non a caso durante un’edizione del Tour de France. Nel 2008, per l’editore Minimum Fax, è uscito invece un volume dedicato alla sua altra grande passione sportiva, assieme al pallone: il ciclismo e in particolare il Tour de France, di cui ha seguito come inviato innumerevoli edizioni: una narrazione brillante al tempo stesso popolare e raffinata, dove accanto all’epica delle gesta sportive ritroviamo la descrizione di personaggi e paesaggi, di canzoni d’autore e ovviamente dei piatti tipici più prelibati.


                                                                                                                   Emilio D’Adamo




-------------------
Gianni Mura - (Milano, 1945) è un giornalista e scrittore italiano. Dopo gli studi classici, si iscrive alla facoltà di Lettere Moderne e nel 1964 inizia a lavorare alla Gazzetta dello sport. Giornalista professionista dal 1967, ha scritto anche per il Corriere dell'informazione, Epoca e L'Occhio. Dal 1976 collabora con il quotidiano La Repubblica, su cui scrive ogni domenica, e per tutta la durata del campionato di calcio di serie A, la rubrica intitolata "Sette giorni di cattivi pensieri". Sull'allegato Il Venerdì si occupa invece di recensioni enogastronomiche. Nel maggio 2007, edito da Feltrinelli, è uscito il suo primo romanzo "Giallo su giallo", ambientato durante lo svolgimento del Tour de France, corsa che il giornalista segue da tempo. Nel 2008, edito da Minimum fax, è uscito La fiamma rossa dove racconta, con una narrazione raffinata e popolare  il Tour: epica, poesia, cronaca di volti e paesaggi, di piatti tipici e canzoni d’autore.
martedì 18 novembre 2008

Quattro chiacchiere con... Manuela Curioni

Presentata da Eligio Gatti
Martedì 18 novembre 2008 ore 17
“Racconti di viaggi e montagne”

La vita culturale pavese prosegue nel periodo autunnale con una serie di appuntamenti interessanti e coinvolgenti, in grado di attirare un pubblico sempre più ampio e qualificato e nel contempo soddisfare gli interessi e le passioni più diversificate. La rassegna Quattro chiacchiere con…, organizzata dalla Biblioteca Bonetta Sezione Ragazzi a cura di Costantino Leanti in collaborazione con la libreria CLU, giunge infatti in questi giorni al terzo appuntamento previsto nel calendario 2008/2009, settima edizione della kermesse pavese divenuta un “classico” da non perdere in particolare per il pubblico dei giovani e dei ragazzi in età scolare, a cui è specificamente rivolta.
Dopo aver affrontato un tema accattivante e raffinato sul piano intellettuale come la conservazione del libro antico con Oliviero Diliberto e Giuseppe Delfrate e poi un argomento di forte impatto sociale e educativo come l’esperienza dei sacerdoti impegnati nella diffusione del Vangelo mediante opere di volontariato in situazioni estreme con Candido Cannavò e don Marcellino Brivio, il prossimo martedì 18 novembre alle ore 17 in Santa Maria Gualtieri si parlerà di un altro tema di grande interesse: la letteratura di viaggio e della montagna, di cui la narrativa italiana possiede esempi inimitabili e prestigiosi come le pagine di Mario Rigoni Stern.
Presentata dall’ex vicesindaco di Pavia Eligio Gatti, sarà ospite la scrittrice Manuela Curioni, nata a Lodi nel 1966, da vent’anni impegnata in viaggi in cui coniuga la passione per l’ambiente montano con il desiderio di conoscere nuovi popoli e paesi, cercando poi di trasmettere al pubblico queste esperienze attraverso i suoi libri. Insieme al marito Roberto Pavesi ha realizzato numerosi articoli e servizi fotografici su riviste specializzate come Alp, La rivista del Trekking, La rivista della Montagna, La rivista del Club Alpino Italiano, oltre a realizzare audiovisivi in cui vengono narrate le sue spedizioni alpinistiche.
Nel 1993 ha realizzato la prima guida italiana sull’escursionismo nelle regioni nordiche della Scandinavia, nel 2005 con il racconto “L’oasi di Gentour” è stata selezionata al Premio Città di Napoli Domenico Rea. Il suo ultimo libro “Il suonatore di bottiglie” è stato presentato all’ultima Fiera del Libro di Torino e al Film Festival di Trento, la più importante rassegna internazionale di cinematografia e letteratura sulla montagna.


                                                                                                               Emilio D’Adamo
--------------

Manuela Curioni, nata a Lodi nel 1966, da oltre vent’anni realizza viaggi in cui coniuga la sua passione per la montagna con il desiderio di conoscere nuovi popoli e paesi, cercando poi di rivivere queste esperienze attraverso le parole.
Insieme al marito, Roberto Pavesi, ha pubblicato numerosi articoli e servizi fotografici su riviste di settore (ALP, Rivista della Montagna, La Rivista del Trekking, La Rivista del Club Alpino Italiano), oltre a realizzare audiovisivi per serate pubbliche in cui presenta i reportage dei viaggi e delle spedizioni alpinistiche compiute.
Sempre con il marito ha pubblicato nel 1993, per le Edizioni Calderoni di Bologna, “Trekking in Lapponia”, la prima guida italiana sull’escursionismo nelle regioni nordiche di Norvegia, Svezia e Finlandia.
Nel 2005 il suo racconto “L’oasi di Gentour” è stato pubblicato come finalista nell’antologia “Premio Città di Empoli Domenico Rea”, edita dalla Ibiskos.
Il suo ultimo libro il “Suonatore di bottiglie” è stato presentato alla fiera del libro di Torino e al film festival di Trento, che è la più importante rassegna internazionale sulla cinematografia e sulla letteratura di montagna.
giovedì 30 ottobre 2008

Quattro chiacchiere con... Candido Cannavò

Presentato da don Franco Tassone
Con la presenza di don Marcellino Brivio cappellano del carcere di Opera
Giovedì 30 ottobre 2008, ore 17
“Storie di uomini che portano il Vangelo sul marciapiede”



La rassegna culturale Quattro chiacchiere con…, organizzata dalla Biblioteca Bonetta Sezione Ragazzi a cura di Costantino Leanti in collaborazione con la libreria Clu, è giunta quest’anno alla settima edizione: il programma previsto per la stagione 2008/2009 presenta incontri che spaziano fra gli argomenti più diversificati con un occhio di riguardo al pubblico giovanile, dalla letteratura al teatro, allo sport, alle scienze, sino a temi di scottante attualità come quelli del disagio giovanile, del bullismo e della diffusione della tossicodipendenza fra i minorenni.
Dopo il primo incontro dedicato alla bibliofilia e alla conservazione del libro antico, avvenuto a titolo di presentazione della mostra di testi antichi “Scienziati in posa”, il prossimo giovedì 30 ottobre alle ore 17, presso l’auditorium di Santa Maria Gualtieri, si cambierà completamente punto di vista sulla società contemporanea, affrontando il problema dell’evangelizzazione in un’ottica particolare, quella dei sacerdoti che portano la parola e l’esperienza della cristianità nel vivo delle strade e delle comunità, grazie alla presenza di un celeberrimo nome del giornalismo italiano: Candido Cannavò, dal 1955 inviato speciale della Gazzetta dello Sport, per la quale ha seguito alcuni Mondiali di calcio, dodici Olimpiadi e numerosi Giri d’Italia. Nel 1981 è divenuto vicedirettore e poi condirettore del quotidiano sportivo più letto e diffuso a livello nazionale e nel 1983 ha sostituito Gino Palumbo nell’incarico di direttore responsabile, che ha mantenuto per ben diciannove anni, sino al 2002. Dopo la fine della sua lunga esperienza dirigenziale, pur continuando ad interessarsi di sport come opinionista, ha rivolto la sua attenzione verso un campo del tutto diverso, quello delle questioni sociali di maggior spicco, mediante documentate inchieste sul campo: ha pubblicato infatti un reportage dedicato alla situazione delle carceri italiane e un secondo che esamina la situazione delle persone portatrici di disabilità. Il suo ultimo libro, intitolato “Pretacci”- di cui si parlerà nell’incontro pavese – è invece un viaggio fra le esperienze dei sacerdoti che interpretano il Vangelo come esperienza combattiva sul campo, con spirito di sacrificio e incrollabile fiducia nella loro missione. Nomi divenuti noti al pubblico per le loro battaglie in prima persona, come monsignor Giancarlo Brigantini, punto di riferimento di coloro che nella Locride si battono contro la criminalità organizzata; don Gino Rigoldi, cappellano del carcere minorile Beccaria di Milano; don Luigi Ciotti, impegnato nel recupero dei tossicodipendenti.
La presentazione dell’incontro vedrà la presenza di un sacerdote pavese per molti anni impegnato in questo tipo di attività missionaria nel contesto urbano, proprio a Pavia: don Franco Tassone, sino a pochi mesi fa direttore della comunità Casa del Giovane.

                                                                                                                  Emilio D’Adamo
------------------


Candido CANNAVO' - Ha iniziato come giornalista sportivo ne La Sicilia a diciannove anni. Dal 1952 al 1955 ha ricoperto la carica di presidente del Cus Catania. Nel 1955 è stato ingaggiato come corrispondente da La Gazzetta dello Sport. Successivamente è diventato anche inviato speciale e tra le manifestazioni di cui si è occupato si ricordano alcuni Mondiali di calcio, ben 12 Olimpiadi e moltissimi Giri d'Italia. Nel 1981 è diventato vicedirettore, poi condirettore e nel 1983 è succeduto a Gino Palumbo come direttore responsabile del quotidiano. È rimasto in carica 19 anni, fino al 2002, quando è stato sostituito da Pietro Calabrese. Durante la sua carica, la Gazzetta dello Sport si è consolidata come maggiore giornale italiano, ha iniziato la pubblicazione del settimanale Sportweek e ha aperto il proprio sito web. Oggi è opinionista (sempre per la Gazzetta) e cura le rubriche Candidamente e Fatemi capire. È il padre del giornalista Alessandro Cannavò, redattore capo al Corriere della Sera. Il suo impegno è andato al di là dello sport. Da sempre si è occupato dei problemi della società, soprattutto della sua terra, e da quando ha smesso di dirigere la Gazzetta dello Sport ha pubblicato due romanzi che narrano la situazione delle prigioni italiane e quella dei disabili. Infine un reportage dentro l’ “altra” chiesa “Pretacci”. Storie di uomini che portano il Vangelo sul marciapiede.
martedì 21 ottobre 2008

Quattro chiacchiere con... VII edizione



Il programma della VII edizione:

Oliviero Diliberto, bibliofilo
Giuseppe Del Frate, micologo
Martedì 21 ottobre ore 17 al Castello Visconteo
presentati da Lucio Fregonese. Introduce Silvana Borutti.
“Scienziati in posa. Spunti per la valorizzazione e la conservazione del libro antico”

Candido Cannavò, scrittore e giornalista
Giovedì 30 ottobre ore 17 presentato da don Franco Tassone
Con la presenza di don Marcellino Brivio cappellano del carcere di Opera
“Storie di uomini che portano il Vangelo sul marciapiede”

Manuela Curioni, scrittrice
Martedì 18 novembre ore 17 presentata da Eligio Gatti
“Racconti di viaggi e montagne”

Gianni Mura, giornalista e scrittore
Mercoledì 26 novembre ore 17 presentato da Giuseppe Polimeni.
“Storie e strade dei miei Tour”

Guia Croce, regista
Giovedì 18 dicembre ore 17 presentata da Stefano Mosti.
”Tutto il meglio di Carosello: come è cambiata la pubblicità televisiva in Italia”

Walter Fontana, scrittore, sceneggiatore di tre film con Aldo Giovanni e Giacomo e dell’ultimo film di Ale e Franz. Tredici stagioni di collaborazione con la Gialappa's Band.
Mercoledì 7 gennaio ore 17 presentato da Edoardo Erba
“Scrittura e comicità”

Boris Pahor, scrittore ed ex deportato
Martedì 27 gennaio ore 17 presentato da Paolo Segatti
“Uno sguardo sulle dittature vissute del ventesimo secolo”

Emilio Radice, giornalista
Martedì 10 febbraio ore 17 presentato da Sandra Basti. Introduce Maria Teresa Nizzoli.
“Cocaparty: storia di ragazzi fra sballi, sesso e cocaina”

Anna Turra, scrittrice
Martedì 4 marzo presentata da Patrizia Pinotti
“Storie dalla Snia”

Silvia Roncaglia, scrittrice
Giovedì 19 marzo presentata da Fernando Rotondo.
“Dalla scrittura narrativa alla scrittura teatrale”

Gustavo Pietropolli Charmet, psichiatra, psicoanalista e docente universitario
Martedì 31 marzo ore 17 presentato da Eugenio Critelli. Introduce Maria Teresa Nizzoli.
“Ritratto dell’adolescente di oggi”

Nadia Meriggi, Insegnante della Scuola primaria
Giovedì 16 aprile ore 17 presentata da Stefano Maggi
"Archeologia e didattica: la preistoria raccontata dai bambini"

Virginio Rognoni, Ministro della Repubblica.
Venerdì 24 aprile ore 17 presentato da Clemente Ferrario.
“Resistenza e Costituzione”


Scienziati in posa

La Biblioteca civica Bonetta di Pavia e la biblioteca del Dipartimento di Ecologia del Territorio dell’Università di Pavia organizzano una mostra sul libro antico e sui problemi di conservazione ad esso legati. La mostra si svolgerà dal 21 ottobre al 16 novembre 2008 nelle sale dei Musei civici del Castello Visconteo.
Saranno esposti circa 50 volumi antichi e rari delle due biblioteche che raffigurano ritratti di medici e naturalisti attivi in Europa dal 16° al 18° secolo, con l’intento di dare visibilità al patrimonio librario antico conservato a Pavia, evidenziandone le peculiarità storiche e artistiche, ma anche i notevoli problemi di tutela.
Fanno parte del comitato scientifico: Augusto Pirola e Giuseppe Caretta, professori emeriti rispettivamente di Botanica e Micologia; Felice Milani, direttore della Biblioteca civica Bonetta; Anna Picco e Giuseppe Del Frate, professori associati; Elena Savino e Solveig Tosi, ricercatori; Marinella Rodolfi, assegnista di ricerca, Antonella Calvi e Francesca Cattaneo, bibliotecarie; Elena Rampi, iconologa. Collaborano all’iniziativa anche Riccardo Groppali (ricercatore entomologo) e Renzo Remotti (direttore dell’Archivio di Stato di Asti).

Una parte importante dell’esposizione vorrebbe essere destinata alle fruizione da parte delle scuole di ogni ordine e grado, nonché ad un pubblico adulto che operi nel settore dei Beni culturali: nella stessa sede espositiva sono stati previsti dei laboratori didattici di sperimentazione scientifica diretta tramite l’utilizzo, da parte del pubblico, di microscopi, preparati di materiale biologico per l’osservazione, modelli tridimensionali di funghi microscopici ecc.
Si prevede di affidare l’organizzazione e la gestione di questi “experimental desk”, la cui importanza è strategica per un coinvolgimento attivo dei visitatori e per una loro reale sensibilizzazione alle problematiche della conservazione dei beni culturali, ad operatori privati che vantino un lungo curriculum di esperienze ed una specifica formazione nella didattica scientifica, in particolare per quanto riguarda l’aspetto di interattività con gli studenti.

È prevista una conferenza di presentazione della mostra con interventi sulla valorizzazione del libro antico e sulle  tematiche scientifiche legate alla conservazione dei beni librari all’interno delle serate “Quattro chiacchiere con…” organizzate dalla Biblioteca civica Bonetta.

Quattro chiacchiere con... Oliviero Diliberto e Giuseppe Del Frate

Presentati da Lucio Fregonese. Introduce Silvana Borutti.
Martedì 21 ottobre 2008, ore 17 al Castello Visconteo
“Scienziati in posa. Spunti per la valorizzazione e la conservazione del libro antico”

Martedì 21 ottobre c’è stata una conferenza sul tema della valorizzazione e della conservazione del libro antico, tenuta da due illustri ospiti: Oliviero Diliberto, noto al pubblico soprattutto per la sua attività politica, docente di Diritto Romano all’Università La Sapienza di Roma, esperto di bibliofilia e collezionista fra i più competenti e raffinati; Giuseppe Del Frate, docente di Micologia presso la Facoltà di Scienze del nostro Ateneo, autore di numerose pubblicazioni riguardanti attività di ricerca sui funghi e in particolare su quelli che colpiscono e danneggiano le carte antiche.
La prolusione degli illustri ospiti  ha inaugurato una prestigiosa mostra dal titolo “Scienziati in posa – Ritratti di medici e naturalisti”, che si svolgerà dal 21 ottobre sino al 16 novembre presso i Musei Civici del Castello Visconteo: l’esposizione raccoglie circa cinquanta ritratti a stampa di medici e naturalisti dei secoli dal sedicesimo al diciannovesimo presenti in volumi originali dell’epoca, patrimonio bibliografico inestimabile sia della Biblioteca Civica Bonetta che dell’Orto Botanico di Pavia. L’intento dell’iniziativa è di proporre spunti di riflessione in merito alla rilettura della storia della scienza, alla riscoperta degli aspetti caratteristici dell’iconografia moderna e alla valorizzazione della cultura del patrimonio librario antico.  Fra gli altri, i volumi in esposizione contengono i ritratti di scienziati di fama come Gerolamo Cardano, Marcello Malpighi, Antonio Vallisneri e Albrecht Von Haller: una parte dei volumi in esposizione appartengono alla biblioteca di Giovanni Alessandro Brambilla, medico dell’Imperatore Giuseppe II, cittadino pavese. Una seconda sezione deriva dalle biblioteche private di Giuseppe Moretti, chimico e botanico sistematico, prefetto dell’Orto dal 1826 al 1852, e di Santo Garovaglio, botanico crittogamico, suo successore dal 1853 al 1882.
Le curatrici della Mostra – Antonella Calvi, Francesca Cattaneo ed Elena Rampi – sottolineano l’importanza culturale e scientifica di questo appuntamento, sia in riferimento all’attività didattica delle scuole di ogni grado che alla curiosità del pubblico adulto e degli specialisti del settore: “un particolare rilievo è riservato proprio agli approfondimento di tipo micologico, in quanto i funghi, assieme agli insetti, sono i responsabili della decomposizione della materia organica e provocare nella carta gravi alterazioni come maculature e perforazioni: una serie di poster riporta le ricerche svolte dai ricercatori della nostra Università sulla presenza di microfunghi nelle biblioteche e sulle alterazioni della carta da essi provocate.
Nella sede espositiva è previsto anche uno spazio sperimentale destinato alle scuole che permetterà agli alunni di osservare direttamente al microscopio le alterazioni presenti nei volumi e approfondire questo aspetto della bibliofilia anche mediante modelli giganti; per i visitatori più preparati un esperto nel settore della Micologia Applicata sarà a disposizione in qualità di guida”: venerdì 31 ottobre dalle 10 alle 13,  venerdì 7 novembre dalle 10 alle 13 e sabato 15 novembre dalle 13 alle 17,30. La partecipazione ai laboratori è gratuita, per prenotarsi telefonare allo 038221635 o inviare una email  a acalvi@comune.pv.it.
                               {                                                                                                                               Emilio D’Adamo

----------------------------------

Oliviero Diliberto. Noto al grande pubblico soprattutto per la sua attività politica a livello nazionale. E’ professore ordinario di Diritto romano presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università La Sapienza di Roma. In passato è stato anche docente di Diritto Romano  presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Cagliari, sua città natale. Iscritto all’Albus Club, la più prestigiosa Associazione internazionale di Bibliofilia presieduta da Umberto Eco. Scrive sulla rivista “L’Esopo” e sull’ “Almanacco del bibliofilo”.

Giuseppe Del Frate è professore associato presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Università degli Studi di Pavia. Laureato in Scienze Biologiche, inizia la attività di ricerca nel 1973, occupandosi di micologia ed in particolare di funghi cheratinofili, ifomiceti acquatici, aeromicologia, funghi terricoli e antartici. Ha al suo attivo oltre 50 pubblicazioni, molte delle quali su riviste internazionali, ed è stato responsabile e coordinatore di numerose ricerche finanziate dal Ministero dell’Università, dal CNR, dal Programma Nazionale di Ricerche in Antartide, dall’Università degli Studi di Pavia, nonché da enti privati. Nel 1987 ha preso parte alla 3° spedizione italiana in Antartide.
giovedì 11 settembre 2008

Quattro chiacchiere... Sul fiume

III edizione

Maurizio Cucchi poeta
Giovedì 11 settembre ore 21
“La traversata di Milano e i suoi Navigli”

Giuseppe Pederiali scrittore
Giovedì 18 settembre ore 21
“I fratelli del Ticino”

Sebastiano Vassalli scrittore
Giovedì 25 settembre ore 21
“Il “mio” Ticino”
Pierino Sacchi fotografo

Giovedì 2 ottobre ore 21
“Immagini e voci del Ticino”
Accompagnamento di poesie dialettali di Angelo Ferrari e Dario Morani lette da Gianfranco Manenti

Il Gade: una vita per la città e il suo fiume
Giovedì 9 ottobre ore 21
“Ricordo di un amico del nostro Ticino”

Presentazione degli incontri di Emilio D’Adamo










Giuseppe Pederiali

Maurizio Cucchi

Sebastiano Vassalli




giovedì 8 maggio 2008

Tra letteratura e musica 2007/'08



Xabier Irondo
Mentre la rassegna principale di Quattro chiacchiere con…, manifestazione culturale organizzata dalla Biblioteca Bonetta sezione ragazzi a cura di Costantino Leanti, stava giungendo alla conclusione del ciclo di appuntamenti previsti nel corso della stagione, il mese di maggio è stato dedicato a un intenso calendario collaterale dedicato a una serie di lezioni-concerto che hanno spaziato fra i generi più interessanti della musica del Novecento, dedicate ad avvicinare il pubblico delle scuole della nostra provincia al mondo dei suoni. 






La rassegna culturale Quattro chiacchiere con…, organizzata dalla Biblioteca Civica Bonetta sezione ragazzi in collaborazione con la libreria Clu ed a cura di Costantino Leanti, prosegue la sua attività anche per tutto il mese di maggio 2008 mediante un nuovo percorso didattico a favore dei ragazzi in età scolare. Dopo aver trattato gli argomenti più interessanti in termini tanto di impegno civile quanto di intrattenimento, dal Giorno della Memoria all’Otto Settembre alla danza e lo sport, la parte finale della kermesse pavese giunta alla sesta edizione prosegue con una sezione finale dedicata specificamente ad un tema di grande interesse e partecipazione per il pubblico più giovane: il rapporto fra letteratura e musica.


Il pubblico degli amanti della musica della nostra città avrà modo di partecipare ad un intensivo viaggio nel mondo dei suoni attraverso quattro giornate molto interessanti che si terranno tutte presso l’auditorium di Santa Maria Gualtieri: si comincia giovedì 8 maggio con un’intera sessione che vedrà protagonisti il complesso dei Sacher Quartet, che terrà una lezione-concerto sul tema dell’uso della voce all’interno della musica jazz e pop alle ore 9 e alle 11; il pomeriggio alle 15 interverrà invece la compositrice Grazia Abbà, direttore artistico del festival dei cori scolastici organizzato dal Comune di Torino, direttore del Coro di Voci Bianche e docente di Direzione di Coro e Repertorio Corale del Conservatorio torinese, l’incontro vedrà, inoltre, la partecipazione del coro di voci bianche Vittadini-Fraschini e degli alunni della sezione ad indirizzo musicale della scuola media F. Casorati.


Giovedì 15 maggio alle 9 e alle 11 il gruppo Tamboo & Friends terrà invece una lezione concerto dedicata a Louis Armstrong tra gioco e ironia, leggenda e realtà; il pomeriggio alle 15 interverrà Guido Mariani, giornalista esperto di musica rock. Si proseguirà giovedì 22 maggio con il gruppo dei Back to Beatles, che dedicherà la sua lezione-concerto alla storia del mitico gruppo inglese dalle origini allo scioglimento, proponendo aneddoti, profili biografici dei suoi componenti e le canzoni più celebri; il pomeriggio alle 15 sarà ospite invece Luca Ragagnin, scrittore e poeta, che ci accompagnerà nel mondo della letteratura e dei versi abbinati alla composizione musicale.
L’ultimo appuntamento è previsto per il giovedì 29 maggio con una mattina dedicata ai cantautori italiani con le voci di Betty Verri e Ivano Grasselli, sempre nella fascia oraria 9-11; il pomeriggio alle 15 ascolteremo infine il musicista e compositore Xabier Iriondo, che illustrerà al pubblico il suo originale percorso attraverso strumenti musicali autocostruiti e l’uso delle apparecchiature elettroniche in musica.
Quattro chiacchiere con… stagione 2007/2008 si conclude qui: non resta che dare appuntamento al prossima autunno per la nuova stagione, altrettanto ricca di interessanti serate ora in fase di definizione.


Emilio D’Adamo

-------------------
L'EDIZIONE 2007/2008
(clicca sui singoli link per maggiori informazioni)

Giovedì 8 maggio 2008
h. 9.00
"Che Cetra lo swing!"
Lezione- concerto dei Sacher quartet 

h. 15.00
Grazia Abba’ compositrice 
presentata da Andrea Basevi.


Il compositore al servizio dell’istinto musicale del bambino”.



Grazia Abba’è diplomata in Musica Corale e Direzione di Coro presso il Conservatorio di Musica “G.Verdi” di Torino e in Canto Antico sotto la guida della soprano Sig.ra Susanna Ghione. E’ direttore artistico del festival di cori scolastici “Voci in Coro” organizzato dal Comune di Torino. Ha pubblicato parecchie fiabe musicali per le case editrici Suvini Zerbini e Reggimenti. E’ direttore del Coro di Voci Bianche e titolare della cattedra di Direzione di Coro e Repertorio Corale per la Didattica della Musica del Conservatorio “G.Verdi” di Torino.

Giovedì 15 maggio 2008 
h. 9.00
"Bocca a sacco"
Lezione-concerto di "Tamboo & Friends"




h. 15.00


Guido Mariani giornalista
presentato da Furio Sollazzi
La musica rock: fenomeno musicale globale, sociale e di costume”.

Guido Mariani giornalista. Nato a Brescia si è laureato all'Università di Pavia. Si è occupato di musica, spettacolo, sport, turismo, storia e politica collaborando con diverse testate locali e nazionali.
Ha insegnato"Legislazione dello Spettacolo" presso l'Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti.

Furio Sollazzi si dedica dapprima alla musica suonando la batteria in vari complessi musicali dal 1966 al 1973, anno in cui conclude l'attività di professionista con la tournee di Lucio Dalla. Nel 1972 pubblica, con il complesso dei Numi, un LP dal titolo "Alpha Ralpha Boulevard" ristampato in CD nel 1992 e che gli offre l’opportunità di essere citato nelle più importanti enciclopedie e dizionari del rock, nella sezione di rock progressivo.
Organizza concerti,(con musiche di propria composizione), conduce alcune trasmissioni, come disc-jockey, direttore dei programmi e critico musicale.
Nel novembre 1990 pubblica un libro su 30 anni di storia del Rock nella provincia di Pavia (Rock around Pavia, EMI editore, Pavia); in quest'occasione organizza un megaconcerto presso la discoteca Docking di Pavia riuscendo, cosa ritenuta impossibile, a riunire complessi sciolti ormai da anni e farli suonare di nuovo insieme.
E' il primo tentativo di storicizzare, in un libro, la tradizione orale dello sviluppo del fenomeno musicale "rock" nella provincia italiana.
Sta preparandone l’edizione riveduta e aggiornata (a tutto il 2007) che verrà pubblicata nel 2008.



Giovedì 22 maggio 2008
h. 9.00
"Dimmi chi erano i Beatles"
Lezione- concerto dei Back to the Beatles.

h. 15.00
Luca Ragagnin scrittore, poeta e paroliere


presentato da Pier Vigevano.
Lingue che battono sul tamburo. Letteratura, versi e ritmi".

Luca Ragagnin, Nato a Torino nel 1965 collabora con quotidiani e riviste di vario genere e, dal 1998, tiene una rubrica fissa su “Duel”, mensile di cinema e cultura dell'immagine.Ha cominciato a scrivere versi nel 1980 dopo avere fallito miserevolmente la carriera di astronauta; causa: l’improvvisa scoperta delle vertigini dopo una disastrosa avventura su di un ottovolante. Così, non potendo farlo nella realtà, gli piace volare molto sulla pagina, e nel maggior numero possibile di cieli. Ecco perché scrive poesie, poemetti, testi teatrali, filastrocche, racconti, romanzi, manualetti e testi di canzoni.



Giovedì 29 maggio 2008 
h. 9.00
"Vi racconto delle storie" 
Lezione- concerto di Betty Verri e Ivano Grasselli

h. 15.00


Xabier Iriondo musicista e compositore
presentato da Pier Vigevano
Musica ad oggetti” (strumenti auto-costruiti elettroacustici ed elettronici)

Xabier Iriondo, musicista e compositore, ha realizzato 5 albums e centinaia di concerti con la pop/rock band Afterhours, 3 albums con Six Minute War Madness e 3 albums con il progetto A Short Apnea.
Dal 2001 stà esplorando le possibilità offerte da alcuni strumenti auto-costruiti e dal loro incontro con musica elettronica, field recordings e strumenti elettroacustici.
Nel 2005 apre a Milano SOUND METAK, un negozio/laboratorio dove vende strumenti musicali particolari ed organizza performances musicali.
Attualmente coinvolto nei progetti Uncode Duello, Polvere, Tasaday, Choral Funis Dualitas, ha suonato dal vivo in Europa e Giappone e collaborato con svariati artisti tra cui: Damo Suzuki (CAN), ZU, Sinistri, Gianni Gebbia, Steve Piccolo, Carla Bozulich, Eraldo Bernocchi, Bruno Dorella, Elio Martuscello.
giovedì 24 aprile 2008

Quattro chiacchiere con... Luchino Dal Verme

Presentato da Clemente Ferrario
Giovedì 24 aprile 2008, ore 17
“8 settembre: la ragione di una scelta”






Luchino Dal Verme: 8 settembre, le ragioni di una scelta

La sesta edizione della rassegna culturale Quattro chiacchiere con…, organizzata dalla Biblioteca Bonetta sezione Ragazzi a cura di Costantino Leanti, propone incontri sempre interessanti in merito ai vari aspetti della vita civile, con particolare attenzione al pubblico dei più giovani ancora in età scolare. Dopo aver affrontato temi più leggeri come il calcio, la danza e il teatro per ragazzi, il prossimo appuntamento torna su un argomento di enorme rilievo sociale e politico: la Seconda Guerra Mondiale, l’otto settembre, la partecipazione di tanti giovani italiani alla lotta contro il nazifascismo, la Liberazione della nostra terra dal giogo della dittatura.

Il prossimo 24 aprile alle ore 17, presso l’auditorium di Santa Maria Gualtieri, sarà un onore poter ascoltare il racconto in prima persona di queste vicende al tempo stesso drammatiche e gloriose dalla voce di uno degli ultimi protagonisti: Luchino Dal Verme, nato a Milano nel 1912 da una famiglia aristocratica lombarda, tenente di artiglieria a cavallo, partecipante alla Campagna di Russia, poi organizzatore delle prime formazioni partigiane in provincia di Pavia, sino a diventare comandante dell’88° Brigata “Casotti” e animatore della Resistenza armata nell’Oltrepo. A presentarlo, l’avvocato Clemente Ferrario, noto scrittore pavese, anch’egli militante antifascista.
Dal Verme ha combattuto come ufficiale del reggimento Savoia Cavalleria sul fronte francese, in
Jugoslavia e, dal luglio 1941 all’ottobre 1942, in Russia. Fra i pochi scampati al disastro dell’Armir, riesce a far rientro in Italia. L’armistizio dell’8 settembre lo vede impegnato a Forlì nell’addestramento di reclute per la ricostituzione del suo reggimento. Riesce a sottrarsi alla cattura e ritorna al castello di Torre degli Alberi, residenza di famiglia, dove rimane nascosto per sei mesi. L’incontro con Italo Pietra, comandante partigiano e futuro direttore del quotidiano Il Giorno, lo convince a troncare il tradizionale legame familiare con la monarchia e ad entrare nella Resistenza. Con il nome di battaglia di Maino, comanda la brigata garibaldina Casotti, formazione vicina al Pci e con la primavera del 1945 prende la guida della divisione Gramsci, alla cui testa scende verso la Pianura. Al momento della Liberazione, Maino è uno dei dodici partigiani scelti per fare la scorta a Milano al colonnello Valerio che deve salire a Dongo per chiudere la partita con Mussolini e i suoi gerarchi. Nel primo dopoguerra, i partiti antifascisti gli propongono di impegnarsi a livello politico come candidato alle elezioni per l’Assemblea Costituente del 1946, ma Dal Verme risponde no a tutti, in quanto non ritiene quell’impegno adatto alla sua indole.
Dopo una breve parentesi a Novara, ritorna a Torre degli Alberi, da dove non si muove più: si occupa di allevamento di bovini e pollame assieme al figlio Camillo, che manda avanti l’azienda di famiglia, è impegnato nella difesa delle sue amatissime montagne e continua un’appassionata opera di testimonianza sul nostro recente passato.

Emilio D’Adamo


Ferrario, Dal Verme e Rognoni


----------------





Luchino Dal Verme - Nato a Milano nel 1912, da famiglia aristocratica lombarda. Tenente di artiglieria a cavallo, ha partecipato alla campagna di Russia. Dopo l’8 settembre 1943 ha preso parte alla Guerra di Liberazione nazionale, contribuendo all’organizzazione delle prime formazioni partigiane in provincia di Pavia. Dapprima comandante dell’88° Brigata “Casotti” e, in seguito,della Divisione “Antonio Gramsci”, è stato uno dei principali animatori della resistenza armata nell’Oltrepò Pavese.
martedì 1 aprile 2008

Quattro chiacchiere con... Sebastiano Ruiz Mignone

Presentato da Fabrizio Fiaschini
Martedì 1 aprile 2008, ore 17
“Alla ricerca di un teatro per ragazzi”



Sebastiano Ruiz Mignone: un teatro per ragazzi

La rassegna di incontri intitolata Quattro chiacchiere con…, giunta alla sesta edizione, a cura della Biblioteca civica Bonetta sezione ragazzi con la supervisione di Costantino Leanti, presenta alla cittadinanza e agli studenti pavesi un nuovo, interessante incontro con la cultura: il prossimo martedì 1 aprile alle ore 17, presso l’auditorium di Santa Maria Gualtieri, sarà ospite Sebastiano Ruiz Mignone, scrittore con alle spalle una pluriennale esperienza nel campo della narrativa per bambini, oltre che pittore, autore di commedie radiofoniche e di sceneggiature.

Argomento della sua conferenza sarà il teatro e in particolare le possibilità di allestire rappresentazioni sceniche a favore del pubblico dell’infanzia: negli stessi giorni, infatti, sarà allestito a Pavia uno spettacolo teatrale tratto da una delle sue invenzioni narrative a carattere drammaturgico, dal titolo Il vaso da notte del Re, diretto da Francesco Mastrandrea, presso l’Istituto San Giorgio nei giorni di sabato 29 marzo, lunedì 31 marzo e martedì 1 aprile – con due repliche alle ore 9 e alle ore 11 – oltre che nella serata di sabato 29 marzo alle ore 21 presso Motoperpetuo.
Nativo di Santo Stefano Belbo in provincia di Cuneo ma da molto tempo residente a Torino, dove è stato per molti anni insegnante di Lettere nelle scuole, Ruiz Mignone è spuntato all’improvviso come nuovo autore di storie per ragazzi nel 1996, quando vinse il Premio Andersen con il romanzo Guidone Mangiaterra e gli Sporcaccioni: da quel momento è iniziata una brillante carriera letteraria, che lo ha portato ad affermarsi brillantemente nel campo della narrativa per l’infanzia attraverso nuove pubblicazioni presso le collane editoriale specialistiche più importanti come Piemme Junior ed Einaudi Ragazzi. Ricordiamo in particolare Il drago rapito, dove si descrivono le avventure del prode cavaliere Patador Dorè alla ricerca del drago Ossobuco, misteriosamente rapito, in un’avventurosa epica popolata di streghe, pietre parlanti, maghi e incantesimi. In Pirati a Rapallo, scritto a quattro mani con Guido Quarzo, ritroviamo invece gli spunti tipici delle storie avventurose di mare con protagoniste le navi pirata che abbordano le coste della Liguria e il pittore Giobatta Oneto, che dipinge solo tonni, e il suo intraprendente ragazzo di bottega Giorgio. Ne L’isola del faro, invece, Ruiz Mignone ripercorre l’avventura anch’essa marinara del giovane Robert Louis Stevenson, detto Luly, che assieme al cugino Bob si tuffa in un mondo di immaginazione, storia e avventura nel Sud dell’Italia appena unificata, nel 1864: il protagonista vive il suo rito di passaggio all’età adulta, sino a divenire uno dei più grandi scrittori d’avventura di tutti i tempi, attraverso l’esperienza diretta di un mondo assediato dalla violenza e dalla miseria.
Il personaggio ospite del prossimo incontro avrà modo quindi di raccontare agli studenti delle nostre scuole un panorama immaginativo molto complesso e interessante, con particolare riferimento alle rappresentazioni sceniche dei testi realizzati per il pubblico dei nostri bambini.

 Emilio D’Adamo

-----------------------------------------------------



Sebastiano Ruiz Mignone - Vive e lavora a Torino ed ha alle spalle una solida esperienza nella narrativa per bambini. Già insegnante di lettere, è anche pittore e autore di commedie radiofoniche oltre che di sceneggiature. Ha esordito nel '96 col libro "Guidone Mangiaterra e gli Sporcaccioni" (Ed. Piemme) che ne ha subito evidenziato la fantasiosa creatività. Ormai consolidata è la sua collaborazione con Guido Quarzo, anch'egli torinese e scrittore per l'infanzia.
sabato 8 marzo 2008
JIMMY DELLA COLLINA

di Massimo Carlotto







Riduzione teatrale Angela Giassi
Regia Enrico Barbieri
Musiche Andress Villani
Assistente alla regia Irene Scova
Debutto Salone III Millennio 8 marzo 2008



Tutte le foto © Daniele Cavallotti (http://danielecavallotti.zwnfolio.com). Vi invitiamo a visionare il sito. 


---------------------

Tutte le foto sono proprietà di D. Cavallotti
Il libro di Massimo Carlotto, Jimmy della collina, mi è subito sembrato molto adatto al progetto di uno spettacolo per ragazzi, per la tematica affrontata e lo stile asciutto ma allo stesso tempo coinvolgente che contraddistingue l’autore. 
immy, il sedicenne protagonista del testo, parla in prima persona della sua “avventura” : arrestato per tentata rapina, abbandonato dai suoi complici, Jimmy viene condannato e conosce la realtà del carcere minorile, anzi di alcuni carceri, fino all’incontro con una comunità di recupero che gli fa intravedere la possibilità di un vero cambiamento. 
La drammaturgia alla quale sto lavorando si prefigge di mantenere lo stile del testo e di costruire una partitura corale intorno al protagonista, che dia voce alla moltitudine di personaggi che si susseguono, a partire dai due complici che lasciano cadere su Jimmy tutta la responsabilità del loro reato, ai genitori incapaci di perdonare o capire, per passare dai pittoreschi ritratti dei compagni di cella. 
Si alternano momenti drammatici, a volte crudi e violenti, ad altri di divertente leggerezza, il protagonista ci coinvolge e ci interroga, suscitando, a tratti, un’irresistibile tenerezza. 
Lo spettacolo sarà un’occasione per riflettere sulla delinquenza minorile, sull’esperienza del carcere, in generale sul bisogno di ribellione che hanno tutto gli adolescenti, ma che a volte non trova che la strada della violenza e della sopraffazione. 
di Angela Giassi




























martedì 26 febbraio 2008

Quattro chiacchiere con... Massimo Carlotto

Presentato da Franca Lavezzi
Martedì 26 febbraio 2008 ore 17
“I giovani nella provincia che cambia”





La rassegna culturale Quattro chiacchiere con…, organizzata dalla Biblioteca Bonetta Sezione Ragazzi in collaborazione con la libreria Clu, a cura di Costantino Leanti, prosegue la sua presenza qualificata nella nostra città con appuntamenti sempre di ampio interesse e seguito. Giunta alla sesta edizione, è divenuta un appuntamento fisso per i ragazzi delle scuole, gli insegnanti e i cittadini interessati ad ascoltare e discutere temi di interesse generali che finora hanno spaziato in tutti i campi della conoscenza: il prossimo incontro, fissato sabato 8 marzo 2008 alle ore 17 presso l’ex chiesa Santa Maria Gualtieri, vedrà nelle vesti di protagonista il celebre scrittore Massimo Carlotto, che intratterrà il pubblico sullo spinoso tema del disagio giovanile nelle città contemporanee. Nato a Padova nel 1956 e da tempo residente a Cagliari, Carlotto è divenuto una delle figure di maggior spicco del genere letterario noir in Italia attraverso un metodo di indagine letteraria che egli stesso definisce come la prosecuzione romanzesca del materiale messo a disposizione dalle inchieste giornalistiche di quella che anni addietro veniva definita controinformazione. La sua scrittura è secca e asciutta, di buonissima qualità letteraria ed è stata apprezzata dai maggiori critici letterari italiani, che ne hanno sottolineato la preziosità narrativa, fra i quali Angelo Guglielmi, Ermanno Paccagnini, Goffredo Fofi e Filippo La Porta. Gli scenari prediletti dall’autore sono quelli ben conosciuti del Nord Est e di altri luoghi di provincia che ben si prestano per raccontare gli aspetti oscuri della gente comune e ritenuta perbene, l’intreccio perverso fra economia legale e criminalità, le zone oscure dove riesce difficile fare giustizia seguendo le regole, che spesso risultano un impaccio. Il suo personaggio è un investigatore irregolare e particolare, detto l’Alligatore, con un passato giudiziario ingombrante, amante del blues e del calvados, che non si fida troppo dei poliziotti e lavora a stretto contatto con altri ex galeotti.
La letteratura, che solitamente non rivela scopi pratici, nel suo caso serve a ricostruire una vita e a suturarne le gravi ferite attraverso un genere, il romanzo poliziesco, che si presta a restituire al lettore gli aspetti meno nobili della quotidianità: alla narrativa di Carlotto è strettamente legata la sua vicenda umana. Nel 1976, allora diciannovenne militante di Lotta Continua, viene coinvolto suo malgrado in un gravissimo caso di cronaca nera: l’omicidio a Padova di una giovane venticinquenne, che lo condurrà in un calvario giudiziario di processi, carcere  e latitanza conclusosi solo nel 1993 con la concessione della grazia da parte del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. E’ da quel momento che inizia per lui una nuova vita, quella di scrittore, grazie all’aiuto e alla guida di Grazia Cherchi, che gli consente in questi anni di raggiungere un ottimo successo sia in Italia che all’estero.
Fra i suoi titoli più celebri, tutti pubblicati dall’editore e/o, ricordiamo “L’oscura immensità della morte”, “Il maestro di nodi”, “La verità dell’Alligatore”; “Il mistero di Mangiabarche” e “Il fuggiasco”, narrazione autobiografica dei suoi anni di latitanza. Per i giovani ha pubblicato, tra gli altri, Jimmy della Collina, un racconto breve da cui è stato tratto uno spettacolo che andrà in scena presso la Casa del giovane da sabato 8 a lunedì 11.

Emilio D’Adamo



----------------



Massimo Carlotto - è nato a Padova nel 1956 e vive a Cagliari. Ha esordito nel 1995 con il fuggiasco, seguito da molti altri romanzi. Ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti, e i suoi libri sono tradotti in varie lingue. E’ anche autore teatrale e sceneggiatore, e collabora con quotidiani, riviste e musicisti. Per la EL nella collana frontiere ha pubblicato Il giorno in cui Gabriel scoprì di chiamarsi Miguel Angel e Jimmy della collina.